giovedì 17 giugno 2010

L'arte di amare di Eric Fromm

Distinguere l’amore dall’innamoramento
Diventa essenziale distinguere bene ciò che è l’amore da ciò che è innamoramento. Le due realtà spesso si rincor-rono e si confondono ma sono nettamente distinte e di natura diversa.
L’innamoramento è un fenomeno affettivo, pre-conscio e pre-volontario, in cui un individuo proietta sogni ed aspet-tative in un altro. È un fenomeno, cioè “capita” al soggetto, indipendentemente dalla sua volontà.
L’amore è invece una realtà pienamente umana (di tutta la persona e non solo di una sua componente) che si e-sprime solo con un atto libero, cioè cosciente e volontario. Si può esprimere come un orientamento del carattere che orienta la persona nei rapporti col mondo, un atteggiamento universale verso tutta la realtà. È, come dice Eric Fromm , un’arte che si acquisisce attraverso la maturazione della persona e l’esercizio delle sue facoltà umane. Sarà proprio Fromm a condurci, attraverso degli estratti del suo libro “L’arte di amare”, alla scoperta di questa mi-steriosa ed essenziale realtà umana.
Dove nasce il bisogno di amare
Il bisogno di amare è il bisogno fondamentale dell’uomo, superiore per urgenza a quello della fame, della sete o dello stesso “sesso”, in quanto per soddisfarlo questi ultimi possono anche essere messi a tacere. Da dove nasce questo bisogno?

L'uomo è cosciente di sé stesso come realtà unica e irripetibile, della propria individualità. Questa co-scienza di sé stesso come realtà separata, la consapevolezza della propria breve vita, del fatto che è nato senza volerlo e che contro la propria volontà morirà; che morirà prima di quelli che ama, o che essi mori-ranno prima di lui, il senso di solitudine, d'impotenza di fronte alle forze della natura e della società, pos-sono rendergli insopportabile l'esistenza. Diventerebbe pazzo, se non riuscisse a rompere l'isolamento, a unirsi agli altri uomini, al mondo esterno.
Il senso di solitudine provoca l'ansia; anzi, è l'origine di ogni ansia. Essere soli significa essere indi-fesi, incapaci penetrare attivamente nel mondo che circonda.
Questo profondo bisogno dell'uomo, dunque, è il bisogno di superare l'isolamento, di evadere dalla prigione della propria solitudine. L'impossibilità di raggiungere questo scopo porta alla pazzia, poiché il panico della completa separazione può essere vinto solo da un isolamento dal mondo esterno così totale, da cancellare il mondo esterno, dal quale si è separati, e così scompare il senso di separazione.
L'uomo di qualsiasi età e civiltà è messo di fronte alla soluzione di un eterno problema: il proble-ma di come superare la solitudine e raggiungere l'unione.
Tentativi di superare la separazione
Esistono diversi tentativi con cui l’uomo tenta di superare questo senso di separazione e di solitudine. Oltre l’esercizio maturo dell’amore si possono sintetizzare tre modi: l’esercizio della sessualità, il conformismo e l’attività creativa:
La soluzione sessuale, entro certi limiti, è un modo naturale e normale di superare la separazione, ed è una soluzione parziale al problema dell'isolamento. Ma in molti individui per i quali la solitudine non può essere superata in nessun modo, l’esercizio dell'attività sessuale assume una funzione che li rende non molto diversi dagli alcoolizzati e dai tossicomani. Diventa un tentativo disperato di sfuggire all'ansia su-scitata dalla separazione e il suo risultato è un sempre crescente senso d'isolamento, poiché l'atto sessuale, senza amore, non riempie mai il baratro che divide due creature umane, se non in modo assolutamente momentaneo.

La soluzione più frequente scelta dall'uomo nel passato e nel presente è l'unione col gruppo, il condi-viderne costumi, usi, pratiche e credenze.
Anche nella civiltà occidentale contemporanea, l'unione col gruppo è la maniera più frequente per superare l'isolamento. È un'unione in cui l'individuo si annulla in una vasta comunità, e il suo scopo è quello di far parte del gregge. Se io sono uguale agli altri, sia nelle idee che nei costumi, non posso avere la sensazione di essere diverso. Sono salvo: salvo dal terrore della solitudine.
La maggior parte della gente non si rende nemmeno conto del proprio bisogno di conformismo. Vive nell'illusione di seguire le proprie idee ed inclinazioni, di essere individualista, di aver raggiunto da sé le proprie convinzioni; e si dà il fatto che le sue idee siano le stesse della maggioranza.
Nella società capitalistica contemporanea il senso di uguaglianza è mutato. Per uguaglianza, s'intende l'uguaglianza degli atomi, degli uomini che hanno perso il loro individualismo. “Uguaglianza oggi signifi-ca uniformità, anziché unità”. È l'uniformità astratta degli uomini che compiono lo stesso lavoro, che scel-gono gli stessi divertimenti, leggono gli stessi giornali e hanno le stesse idee. La società contemporanea predica questo ideale di uguaglianza perché ha bisogno di atomi umani simili tra loro, per farli funzionare in una massa compatta: tutti obbediscono agli stessi comandi, e tuttavia ognuno è illuso di seguire i propri desideri. Così come la moderna produzione di massa richiede la standardizzazione dei prodotti, così il progresso civile esige la standardizzazione dell'uomo. Questa standardizzazione è chiamata “uguaglianza”.
L'unione ottenuta mediante il conformismo, non è intensa né profonda; è superficiale e, poiché è il ri-sultato della routine, è insufficiente a placare l'ansia della solitudine. I casi di alcoolismo, di tossicomania, di manie sessuali e di suicidio, sono sintomi del fallimento di tale unione.

Un terzo modo per raggiungere l’unione è l’attività creativa, sia quella dell’artista che dell’artigiano. In ogni attività creativa, colui che crea si fonde con la propria materia, che rappresenta il mondo che lo circonda. Sia che il contadino coltivi il grano o il pittore dipinga un quadro, in ogni tipo di lavoro creativo, l'artefice e il suo oggetto diventano un'unica cosa: l'uomo si unisce col mondo nel processo di creazione. Questo, tuttavia, vale solo per il lavoro produttivo, per il lavoro nel quale io progetto, produco, vedo il ri-sultato della mia fatica. Ma nel moderno processo di lavoro, al dipendente, anello di una catena senza fine, poco è lasciato di quel genere di lavoro che crea l'unione tra lui e il mondo. Il lavoratore diventa un'appen-dice della macchina o dell'organizzazione burocratica. Ha cessato di essere “lui”, e di conseguenza non può verificarsi nessuna unione se non quella del conformismo.
Rapporti che non significano ancora “amore”.
L'unità conquistata col lavoro produttivo non è interpersonale; l'unità raggiunta con la fusione orgia-stica (sessuale) è fittizia; l'unità ottenuta col conformismo è solo una parvenza di unità. Non sono che so-luzioni parziali al problema dell'esistenza. La soluzione completa sta nella conquista dell'unione interper-sonale, nella fusione con un'altra persona, nell'amore.
Il desiderio di fusione interpersonale è il più potente. È la passione più antica, è la forza che tiene unita la razza umana, la tribù, la famiglia, la società. Il non riuscire e raggiungere questa unione significa follia e distruzione. Senza amore, l'umanità non sopravviverebbe un solo giorno. Eppure, se chiamiamo “amore” la conquista dell'unione interpersonale, ci troviamo in serie difficoltà. La fusione tra persone può essere raggiunta in diversi modi. Ma sono poi tutte forme d'amore? Oppure dobbiamo riservare la parola “amore” a una particolare tipo di unione, che è stata la virtù ideale di tutte le grandi religioni e dei sistemi filosofici di quattromila anni di civiltà orientale e occidentale?
Come sempre nelle difficoltà attorno al contenuto delle parole, la risposta può essere solo arbitraria. Ciò che conta è sapere di quale tipo di unione parliamo, parlando d'amore. Ci riferiamo all’amore come al-la matura soluzione del problema esistenza, oppure alludiamo a quelle incomplete forme di amore che possono chiamarsi unioni simbiotiche? Nelle seguenti pagine chiamerò amore solo la prima. Inizierò la di-scussione sull'amore con le ultime.
Le unioni simbiotiche
L’unione simbiotica ha il suo modello biologico nella relazione tra la madre e il feto Sono due, eppu-re uno. Vivono insieme (simbiosi), hanno bisogno l'uno dell'altro. Il feto è parte della madre, riceve tutto ciò di cui ha bisogno da lei; la madre è il suo mondo; lei lo nutre, lo protegge, ma anche la sua vita è inten-sificata da esso. Nell'unione simbiotica fisica, i corpi sono indipendenti, ma lo stesso genere d'unione esi-ste psicologicamente.
La forma passiva dell'unione simbiotica è quella della sottomissione, o, per usare un termine clinico, dei masochismo. Il masochista sfugge all'insopportabile senso di separazione e solitudine rendendosi parte di un'altra persona che lo domina, lo guida, lo protegge; che è la sua vita e il suo ossigeno, per così dire. Il masochista ha la percezione di essere nulla, a meno che non diventi parte di uno che ritiene potente: parte di grandezza, di potere, di sicurezza. Il masochista non ha da prendere decisioni, non ha da correre rischi; non è mai solo, non è indipendente; non ha autonomia; non è ancora pienamente nato. Può esserci la sot-tomissione masochistica al destino, alla malattia, alla musica ritmica, allo stato orgiastico provocato dalle droghe, o sotto influsso ipnotico: in tutti questi casi la persona rinuncia alla propria integrità, fa di sé stessa lo strumento di qualche cosa o di qualcuno al di fuori di sé stessa.
La forma attiva di fusione simbiotica è il dominio o, per usare il termine psicologico corrispondente al masochismo, il sadismo. Il sadico vuole sfuggire alla propria solitudine, al proprio senso d'isolamento, impossessandosi un'altra persona. Sublima se stesso incorporando un altro essere, che lo idolatra.
Il sadico è legato a chi gli è succube così come quest'ultimo è subordinato al primo; non può nemme-no vivere, senza l'altro. La differenza sta solo nel fatto che il sadico domina, intraprende, offende, umilia, e il masochista è comandato, offeso, umiliato. Questa è una differenza considerevole, in senso realistico; ma in un senso più profondo ed emozionale, la differenza è minima, rispetto a ciò che ambedue hanno in comune; fusione senza integrità. Se si capisce questo, non ci si meraviglierà di scoprire che una persona reagisce sia nel modo sadico che masochistico, verso oggetti diversi. Hitler agì in un primo tempo in modo sadico, verso il popolo; ma in modo masochistico verso il destino, la storia, l'“alto potere” della natura. Il suo suicidio tra la distruzione generale è altrettanto caratteristico quanto il suo sogno di successo, di domi-nio totale.
L’unione fondata sull’amore
In contrasto con l'unione simbiotica, l'amore maturo è unione a condizione di mantenere la propria integrità, la propria individualità. L'amore è un potere attivo dell'uomo; un potere che annulla le pareti che lo separano dai suoi simili, che gli fa superare il senso d'isolamento e di separazione, e tuttavia gli permet-te di essere sé stesso e di conservare la propria integrità. Sembra un paradosso, ma nell'amore due esseri diventano uno, e tuttavia restano due.
L’amore come “attività”
Se diciamo che l'amore è un'attività, dobbiamo chiarire il significato della parola “attività”. Per “atti-vità”, nell'uso moderno della parola, di solito s'intende un'azione che opera un cambiamento in una situa-zione esistente, attraverso un dispendio di energia. Un uomo è considerato attivo se fa affari, studia medi-cina, lavora, costruisce o pratica uno sport. Comune a tutte queste attività è il fatto che sono volte a con-quistare una meta. Ciò di cui non si tiene conto, è la causa di ogni attività. Prendete per esempio un uomo spinto verso il lavoro incessante da un senso di profonda insicurezza e solitudine; o un altro guidato dal-l'ambizione o dalla brama di ricchezza. In tutti questi casi la persona è schiava di una passione, e la sua at-tività in realtà è una “passività”, poiché è guidata: è la “vittima”, e non è l’“attore”. D'altro canto, un uomo che se ne sta inerte a contemplare, senza scopo né fine tranne quello di arricchire la propria esperienza e la propria unità col mondo, è considerato “passivo”, perché non fa niente. In realtà, questo atteggiamento di meditazione è la più alta attività che esista, un'attività dell'anima, che è possibile solo in una condizione di intima libertà e indipendenza. Un concetto moderno di attività si riferisce all'uso dell'energia per raggiun-gere scopi esterni; l'altro concetto di attività si riferisce all'uso dei poteri inerenti all'uomo, senza tener conto di qualsiasi cambiamento esterno. Questa seconda teoria è stata espressa nel modo più chiaro da Spinoza . Egli distingue gli affetti in attivi e passivi, “azioni” e “passioni”. Nella funzione di un affetto at-tivo, l'uomo è libero, è padrone del suo affetto; nella funzione di un affetto passivo, l'uomo è oggetto di eventi di cui lui stesso non si rende conto. Invidia gelosia, ambizione, bramosia, sono passioni; l'amore è un'azione un potere umano che può essere praticato in libertà, e non è la conseguenza di una costrizione.
L'amore è un sentimento attivo, non passivo; è una conquista, non una resa. Il suo carattere attivo può essere sintetizzato nel concetto che amore è soprattutto “dare” e non ricevere
Cosa significa “dare”
Che cosa significa dare? La risposta sembra semplice, ma in realtà è piena di ambiguità e di compli-cazioni. Il malinteso più comune è che dare significhi “cedere” qualcosa, essere privati, sacrificare. La persona il cui carattere non si è sviluppato oltre la fase ricettiva ed esplorativa, sente l'atto di dare in questo modo. Il “tipo commerciale” è disposto a dare, ma solo in cambio di ciò che riceve; dare senza ricevere, per lui significa essere ingannato. La gente arida sente il dare come un impoverimento. La maggior parte degli individui di questo tipo, di solito si rifiuta di dare. Alcuni trasformano in sacrificio l'atto di dare. Sen-tono che solo per il fatto che è penoso dare, si dovrebbe dare; la virtù, per loro, sta nell'accettare il sacrifi-cio. Per loro, la regola che è meglio dare anziché ricevere significa che è meglio soffrire la privazione piuttosto che provare la gioia.
Per la persona attiva, dare ha un senso completamente diverso. Dare è la più alta espressione di po-tenza. Nello stesso atto di dare, io provo la mia forza, la mia ricchezza, il mio potere. Questa sensazione di vitalità e di potenza mi riempie di gioia. Mi sento traboccante di vita e di felicità. Dare dà più gioia che ri-cevere, non perché è privazione, ma perché in quell'atto mi sento vivo.
Nella sfera delle cose materiali, dare significa essere ricchi. Non quello che ha molto è ricco, ma co-lui che dà molto. L'avaro che è terrorizzato all'idea di perdere qualche cosa è, psicologicamente parlando, un povero essere, per quanto ricco sia. Chiunque sia capace di dare se stesso è ricco. Solo chi avesse appe-na quanto basti a sopravvivere, sarebbe incapace di godere nell'atto di dare cose materiali. Ma è noto che i poveri sono più ansiosi di dare dei ricchi. Ciò nonostante, la povertà oltre un certo limite può rendere im-possibile il dare, ed è assai doloroso, non solo per la sofferenza che provoca direttamente, ma perché toglie al povero la gioia di dare.
La sfera più importante del dare, tuttavia, non è quella delle cose materiali, ma sta nel regno umano. Che cosa dà una persona a un'altra? Dà se stessa, ciò che possiede di più prezioso, dà una parte della sua vita. Ciò non significa necessariamente che essa sacrifichi la sua vita per l'altra, ma che le dà ciò che di più vivo ha in sé; le dà la propria gioia, il proprio interesse, il proprio umorismo, la propria tristezza, tutte le espressioni e manifestazioni di ciò che ha di più vitale. In questo dono di se stessa, essa arricchisce l'altra persona, sublima il senso di vivere dell'altro sublimando il proprio. Non dà per ricevere; dare è in se stesso una gioia squisita. Ma nel dare non può evitare di portare qualche cosa alla vita dell'altra persona, e colui che riceve si riflette in essa; nel dare con generosità, non può evitare di ricevere ciò che le viene dato di ri-torno. Dare significa fare anche dell'altra persona un essere che dà, ed entrambi dividono la gioia di sentir-si vivi. Nell'atto di dare qualcosa nasce, e un senso di mutua gratitudine per la vita che è nata in loro uni-sce entrambe. Ciò significa che l'amore è una forza che produce amore.

“Se amate senza suscitare amore, vale a dire, se il vostro amore non produce amore, se attraverso l'e-spressione di vita di persona amante voi non diventate una persona amata, allora il vostro amore è impo-tente, è sfortunato.”.
Amore espressione di maturità umana
È inutile sostenere che sentire l'amore come un atto di dare dipende dal carattere dell'individuo. Al contrario presuppone la conquista di un atteggiamento prevalentemente produttivo; in quest'orientamento l'individuo ha vinto l'indipendenza, l'onnipotenza narcisistica, il desiderio di sfruttare gli altri, e ha preso fiducia nelle proprie capacità umane. Nella misura in cui queste qualità mancano, egli ha paura di dare sé stesso, e quindi di amare.
Al di là dell’elemento del dare, il carattere attivo dell’amore diviene evidente nel fatto che si fonda sempre su certi elementi comuni a tutte le forme d'amore. Questi sono: la premura (o cura), la responsabi-lità, il rispetto e la conoscenza.
La premura
L’amore è premura soprattutto nell'amore della madre per il bambino. Noi non avremmo nessuna prova di questo amore se la vedessimo trascurare il suo piccolo, se lei tralasciasse di nutrirlo, lavarlo, cu-rarlo; e restiamo colpiti dal suo amore se la vediamo assistere il suo bambino. Non c'è differenza anche nell'amore per gli animali o per i fiori. Se una donna ci dicesse di amare i fiori e la vedessimo dimenticare di innaffiarli, non crederemmo nel suo “amore” per i fiori. “Amore è interesse attivo per la vita e la cresci-ta di ciò che amiamo” Là dove manca questo interesse, non esiste amore.
La responsabilità
Cura e interesse implicano un altro aspetto dell'amore: quello della responsabilità. Oggi, per respon-sabilità spesso s'intende il dovere, qualche cosa che ci è imposto dal di fuori. Ma responsabilità, nel vero senso della parola, è un atto strettamente volontario; è la mia risposta al bisogno, espresso o inespresso, di un altro essere umano. Essere “responsabile” significa essere pronti e capaci di “rispondere”. La persona che ama risponde. La vita di suo fratello non è solo affare di suo fratello, ma suo. Si sente responsabile dei suoi simili, così come si sente responsabile di sé tesso. Questa responsabilità, nel caso della madre e del bambino, si riferisce soprattutto alle cure materiali; nell'amore tra adulti, si riferisce principalmente ai bi-sogni psichici dell'altra persona.
Il rispetto
La responsabilità potrebbe facilmente deteriorarsi nel dominio e nel senso di possesso, se non fosse per una terza componente dell'amore: il rispetto. Rispetto non è timore né terrore; esso denota, nel vero senso della parola (respicere = guardare), la capacità di vedere una persona com'è, di conoscerne la vera individualità. Rispetto significa desiderare che l'altra persona cresca e si sviluppi per quello che è. Il rispet-to, perciò, esclude lo sfruttamento; voglio che la persona amata cresca e si sviluppi secondo i suoi desideri, secondo i suoi mezzi, e non allo scopo di servirmi. Se io amo questa persona, mi sento uno con lei, ma con lei così com'è, e non come dovrebbe essere per adattarsi a me. È chiaro che il rispetto è possibile solo se ho raggiunto l'indipendenza; se posso stare in piedi o camminare senza bisogno di grucce, senza dover dominare o sfruttare nessuno. Il rispetto esiste solo sulle basi della libertà: l'amore è figlio della libertà, mai del dominio.
La conoscenza
Non è possibile rispettare una persona senza conoscerla: la cura e la responsabilità sarebbero cieche, se non fossero guidate dalla conoscenza. Conoscere sarebbe una parola vuota se non fosse animata dall'in-teresse. Ci sono molti gradi di conoscenza; il conoscere, in quanto aspetto dell'amore, non si ferma alla su-perficie, ma penetra nell'intimo. È possibile solo se riesco ad annullarmi a vedere l'altro quale veramente è. Posso capire, ad esempio, se una persona è adirata, anche se non lo dimostra apertamente, ma se la cono-sco a fondo, mi accorgo che è ansiosa e preoccupata, che si sente sola, che ha un senso di colpa. Allora mi rendo conto che la sua ira altro non è che la manifestazione di qualcosa di più profondo, e l'ansia. manife-stazione di sofferenza, e non di collera.

Premura, responsabilità e comprensione sono strettamente legate fra loro. Sono un complesso di virtù che fanno parte della personalità matura, di una persona che sviluppa con profitto i suoi poteri, che sa quello che vuole, che ha abbandonato sogni narcisistici di onnipotenza e di onniscienza, che ha acquistato l’umiltà fondata sulla forza intima che solo l’attività produttiva può dare.



Gli oggetti d’amore
L'amore non è soltanto una relazione con una particolare persona: è un'attitudine, un orientamento di carattere che determina i rapporti di una persona coi mondo, non verso un “oggetto” d'amore. Se una per-sona ama solo un'altra persona e è indifferente nei confronti dei suoi simili, il suo non è amore, ma un at-taccamento simbiotico, o un egotismo portato all'eccesso. Eppure la maggior parte della gente crede che l'amore sia costituito dall'oggetto, non dalla facoltà d'amare. Infatti, essi credono perfino che sia prova della intensità del loro amore il fatto di non amare nessuno tranne la persona “amata”. Questo è lo stesso errore di cui abbiamo già parlato prima. Poiché non si vede che l'amore è un'attività, un potere dell'anima, si ritie-ne che basti trovare l'oggetto necessario e che, dopo ciò, tutto vada da sé. Questa teoria può essere parago-nata a quella dell'uomo che vuole dipingere ma che, anziché imparare l'arte, sostiene che deve solo aspetta-re l'oggetto adatto, e che dipingerà meravigliosamente non appena lo avrà trovato. Se io amassi veramente una persona, io amerei il mondo, amerei la vita. Se posso dire a un altro “ti amo”, devo essere in grado di dire “amo tutti in te, amo il mondo attraverso te, amo in te anche me stesso”.
Dicendo che l'amore è un orientamento che si riferisce a tutto e non a uno, non voglio dire che non ci siano differenze tra le varie forme d'amore, legate all'oggetto amato.

Amore fraterno. La forma più fondamentale d'amore, è l'amore fraterno. Con questo intendo senso di responsabilità, premure, rispetto, comprensione per il prossimo; esso è caratterizzato dall'assenza di e-sclusività. Se io ho sviluppato la capacità d'amare non posso fare a meno di voler bene ai miei fratelli. Nel-l'amore fraterno c'è il desiderio di fusione con tutti gli uomini, c'è il bisogno di solidarietà umana. L'amore fraterno si fonda sul principio dell'unione coi nostri simili. Le differenze di talento, d'intelligenza, di com-prensione, sono trascurabili in confronto a quello che c'è in comune tra tutti gli uomini. Per sentire questa uguaglianza è necessario penetrare dalla superficie in profondità. Se io percepisco un altro essere solo in superficie, sento le differenze che ci separano. Se penetro in profondità, percepisco la nostra uguaglianza, ciò che ci fa fratelli. Questa è comunicazione profonda anziché superficiale. Come Simone Weil ha espres-so così meravigliosamente: “Le stesse parole (ad esempio, un uomo dice alla moglie " ti amo ") possono essere banali e straordinarie, secondo come sono dette. E il modo dipende dalla profondità di un essere u-mano, dalla quale scaturiscono senza che la volontà sia in grado di fare nulla. E con un accordo meravi-glioso esse raggiungono in lui forma ed espressione. Così colui che sente può discernere, se ha potere di di-scernimento, ciò che é il valore del mondo.”
L'amore fraterno è amore tra esseri simili; ma, in realtà, anche tra simili che non sono sempre “simi-li”: infatti. poiché siamo esseri umani, siamo tutti bisognosi di aiuto. Oggi io, domani tu. Ma questo biso-gno di aiuto non significa che uno è indifeso e l'altro potente. La debolezza è una condizione transitoria; la capacità di stare ritto e camminare coi propri piedi è lo stato normale e permanente.
Eppure, l'amore per l'essere indifeso, l'amore per il povero e per lo straniero, sono il principio dell'a-more fraterno. Amare la propria carne e il proprio sangue non è una conquista. L'animale ama i suoi piccoli e li cura. Il debole ama il suo padrone poiché la sua vita dipende da lui; il bambino ama i suoi genitori poi-ché ha bisogno di loro. Solo l'amore disinteressato è un sentimento maturo, completo. È significativo, nel Vecchio Testamento, il fatto che l'oggetto d'amore dell'uomo sia il povero, lo straniero, la vedova e l'orfa-no, ed eventualmente, anche il nemico, l'egiziano e l'edomita. Con la compassione per il debole, l'uomo comincia a sviluppare l'amore per il fratello; e nel suo amore per se stesso, ama anche colui che ha bisogno di aiuto, l'essere umano fragile e insicuro. La compassione implica la comprensione e la fraternità. “Voi conoscete il cuore di uno straniero” dice il Vecchio Testamento “perché eravate stranieri nella terra d'Egit-to... di conseguenza, amate gli stranieri.”

Amore materno. Abbiamo già parlato della natura dell'amore materno in un capitolo precedente, che trattava la differenza tra l'amore materno e paterno. L'amore materno, come ho già detto, è un'afferma-zione incondizionata della vita del bambino e dei suoi bisogni. Ma è necessario fare un'importante aggiunta a questa definizione. L'affermazione della vita del bambino ha due aspetti; uno è rappresentato dalle cure necessarie alla preservazione della vita e alla crescita del bambino. L'altro aspetto va oltre la pura e sempli-ce conservazione: è l'attitudine che instilla nel bambino un amore per la vita, che gli dà questa sensazione: è bello essere vivi, è bello stare su questa terra! Questi due aspetti dell'amore materno sono espressi in mo-do molto semplice nella storia biblica della creazione. Dio crea il mondo e l'uomo. Ciò corrisponde

alla semplice affermazione della esistenza. Ma Dio va oltre. Ogni giorno dopo che la natura, o l'uo-mo, sono stati creati, Dio dice: “È bello.” L'amore materno, in questo secondo giardino fa sentire al bambi-no che è bello essere nato; instilla nel bambino l'amore per la vita e non solo il desiderio di restare vivo. La stessa idea può essere applicata ad un altro simbolismo biblico. La terra promessa (terra è sempre simbolo di madre) è descritta come “traboccante di latte e di miele”. Il latte è il simbolo del primo aspetto dell'amo-re, quello per le cure e l'affermazione; il miele simboleggia la dolcezza della vita, l'amore per essa, e la fe-licità di sentirsi vivi. La maggior parte delle madri è capace di dare “latte”, ma solo una minoranza di dare anche “miele”. Per poter dare latte una madre non deve soltanto essere una “brava mamma”, ma una donna felice, e non tutte ci riescono. L'amore della madre per la vita è contagioso, così come lo è la sua ansietà; ambedue gli stati d'animo hanno un effetto profondo sulla personalità del bambino; si distinguono subito tra i bambini e gli adulti – coloro che ricevono soltanto “latte” e coloro che ricevono “latte e miele”.
In contrasto con l'amore fraterno e con l'amore erotico, che sono amori sullo stesso piano, i rapporti della madre col bambino sono, per la loro stessa natura, su un piano diverso, in cui uno ha bisogno di aiuto, e l'altro lo dà. È per questo carattere altruistico che l'amore materno è stato considerato la più alta forma d'amore e il più sacro dei vincoli affettivi. Tuttavia la vera conquista dell'amore materno non sta solo nel-l'amore della madre per il neonato, ma nel suo amore per la creatura che cresce. In realtà, la grande mag-gioranza delle madri sono madri amorose finché il bambino è piccolo e completamente legato a loro. Quasi tutte le donne desiderano avere figli, sono felici coi loro piccoli e sono premurose con loro. E questo ad on-ta del fatto che non “ ottengono ” niente in cambio, tranne un sorriso o l'espressione soddisfatta nel viso del bambino. Sembra che questa forma d'amore sia radicata sia negli animali che nella razza umana. Ma, qua-lunque sia il peso di questo fattore istintivo, nell'amore materno hanno molta importanza alcuni fattori psi-cologici. Uno di questi è l'elemento narcisistico. Finché il neonato continua a far parte della madre, il suo amore e il suo attaccamento possono essere una soddisfazione al suo narcisismo. Un altro elemento può es-sere costituito dal bisogno di possesso della madre. Il bambino, essendo debole e completamente soggetto alla sua volontà, è un oggetto naturale di soddisfazione per una donna autoritaria e tirannica.
Per quanto questi fattori siano frequenti, probabilmente sono meno importanti di quello che può esse-re chiamato il bisogno di trascendenza. Questo è uno dei più fondamentali bisogni dell'uomo, radicato nel suo egocentrismo, nella sua insoddisfazione del ruolo di creatura che non sa rassegnarsi a essere un dado gettato fuori dal bicchiere. Ha Bisogno di sentirsi il creatore, colui che trascende il ruolo passivo di creatu-ra. Ci sono molti m per conquistare questa soddisfazione creativa; il più naturale, e anche il più facile a raggiungersi, è la cura amorosa per la propria creatura. La madre supera se stessa nel bambino, il suo amo-re per lui le dà lo scopo, il senso della vita. (In questa incapacità del maschio a soddisfare il suo bisogno di trascendenza portando il peso dei figli, sta il suo bisogno di superare se stesso creando cose e idee.)
Ma il bambino deve crescere. Deve emergere dal grembo materno; diventare un essere completamen-te indipendente. La vera essenza dell'amore materno è di curare la crescita del bambino, e ciò significa vo-lere che il bambino si separi da lei. Qui sta la differenza con l'amore erotico. Nell'amore erotico, due perso-ne distinte diventano una sola. Nell'amore materno, due persone che erano una sola, si scindono. La madre deve non solo tollerare, ma desiderare e sopportare la separazione del figlio. 16 solo a questo stadio che l'amore materno diventa un compito così difficile da richiedere altruismo, capacità di dare tutto senza chie-dere niente e di non desiderare niente altro che la felicità dell'essere amato. È anche a questo stadio che molte madri falliscono nel loro compito. La narcisista, l'autoritaria, la tirannica può riuscire ad essere una madre “amorosa ” finché il bambino è piccolo. Solo la donna veramente “ amante ”, colei che é più felice di dare che di ricevere, può essere una madre amorosa durante il processo di separazione del bambino.
L'amore materno per il bambino che cresce, amore fine a se stesso, è forse la forma d'amore più diffi-cile a raggiungersi, ed è anche la più ingannevole, a causa della facilità con cui una madre ama la propria creatura. Ma proprio a causa di questa difficoltà, una donna può essere una madre veramente amorosa solo se può amare; se è capace di amare H proprio marito, altri bambini, il prossimo, tutti gli essere umani. La donna che è incapace di amare in questo modo, può essere una madre affettuosa finché il bambino è picco-lo, ma non può essere una madre amorosa. La condizione per esserlo è la volontà di affrontare la separa-zione, e, anche dopo la separazione, la capacità di continuare a amare.

Amore erotico. L'amore fraterno è tra simili; l'amore materno è amore per l'essere indifeso. Diver-se come sono tra loro, queste forme d'amore sono, per la loro stessa natura, non limitate a una persona. Se io amo mio fratello, amo tutti i miei fratelli; se amo mio figlio, amo tutti i miei figli; e oltre a ciò, amo tutti i bambini che hanno bisogno del mio aiuto. In contrasto con ambedue queste forme, è l'amore erotico; que-sto è il desiderio della fusione completa, dell'unione con un'altra persona. È per la sua stessa natura esclusi-vo e non universale; è forse la più ingannevole forma d'amore che esista.

Prima di tutto, é spesso confuso con l'esperienza di “innamorarsi”, l'imprevista caduta delle barriere che esistevano fino a quel momento fra due estranei. Ma, come ho accennato prima, questa esperienza d'improvvisa intimità è per sua stessa natura di breve durata. Dopo che lo sconosciuto è diventato intimo, non ci sono più barriere da superare, né segreti da penetrare. La persona “amata” ci è nota come noi stessi. O, forse, farei meglio a dire altrettanto sconosciuta. Se si potessero sondare le profondità dell'altra persona, se si riuscisse a penetrare interamente la sua personalità, essa non diventerebbe mai così familiare, e il mi-racolo di superare le barriere potrebbe rinnovarsi ogni giorno. Ma per la maggior parte della gente, la pro-pria personalità, e quella degli altri, è presto esplorata ed esaurita. Per loro l'intimità è stabilita principal-mente col contatto sessuale. Poiché sentono la separazione dall'altra persona principalmente come separa-zione fisica, l'unione fisica significa superare la separazione.
Oltre a ciò, ci sono altri fattori che per molta gente significano il superamento della separazione. Par-lare della propria vita personale, delle proprie speranze e delle proprie ansie, mostrarsi sotto aspetti infanti-li, stabilire un interesse comune di fronte al mondo, tutto ciò è inteso come un superamento della solitudi-ne. Perfino dimostrare la propria rabbia, il proprio odio, la propria completa mancanza di inibizioni, è scambiato per intimità, e ciò può spiegare l'attrazione perversa che spesso lega una coppia, che è unita solo a letto o quando dà libero sfogo al rancore e all'odio Ma tutte queste forme di intimità tendono a ridursi man mano che il tempo passa. La conseguenza è che si cerca l'amore con un'altra persona, una persona nuova. Ancora una volta, l'estraneo viene trasformato in “intimo”, di nuovo l'esperienza di innamorarsi è intensa, e inebriante; poi comincia a farsi sempre meno intensa, e termina col desiderio di una nuova con-quista, un nuovo amore sempre con l'illusione che il nuovo amore sarà diverso dal precedente. Il carattere ingannevole del desiderio sessuale ha un peso notevole in queste illusioni.
Il desiderio sessuale tende alla fusione ed è, senza dubbio alcuno. solo un appetito fisico, il sollievo ad una tensione spasmodica. Ma il desiderio sessuale può essere stimolato dall'ansia della solitudine, dal desiderio di conquistare o di essere conquistato, dalla vanità, dalla volontà di ferire e perfino di distruggere, così come può essere stimolato dall'amore. Sembra che il desiderio sessuale possa facilmente essere confu-so, o essere stimolato, da una forte emozione. Poiché il desiderio sessuale è insito nella mente e associato al bisogno d'amore, è facile concludere che ci si ama quando ci si desidera fisicamente. L'amore può ispirare il desiderio dell'unione sessuale; in questo caso la relazione fisica manca di brama, di desiderio di conqui-stare o di essere conquistato, ma è caratterizzata dalla tenerezza. Se il desiderio di unione fisica non è sti-molato dall'amore, se l'amore erotico non è anche amore fraterno, non porta mai alla fusione se non in un senso orgiastico e fittizio. L'attrazione sessuale crea, sul momento, un'illusione d'unione, eppure senza a-more questa “unione” lascia due esseri estranei e divisi come prima - a volte li fa vergognare l'uno dell'altro e li fa perfino odiare l'un l'altro, perché quando l'illusione è svanita essi si sentono più estranei di prima. La tenerezza è senza dubbio, come credeva Freud, una sublimazione dell'istinto sessuale; è la conseguenza di-retta dell'amore fraterno, ed esiste sia nelle forme psichiche d'amore, che in quelle fisiche.
Nell'amore erotico c'è un'esclusività che manca nell'amore fraterno e materno. Il carattere esclusivo dell'amore erotico richiede ulteriori chiarimenti.
Spesso, l’esclusività dell'amore erotico è interpretata come attaccamento possessivo. È molto fre-quente trovare due persone “innamorate” tra loro che non sentono amore per nessun altro. Il loro amore è, infatti, un egotismo a due; sono due esseri che si annullano a vicenda, che risolvono il problema della sepa-razione fondendosi tra loro. Credono così di superare la solitudine; eppure, staccandosi dal resto della spe-cie, restano separati tra di loro e perfino da loro stessi; la loro unione è un'illusione. L'amore erotico esclu-de l'amore per gli altri solo nel senso di fusione erotica ma non nel senso di profondo amore fraterno.
L'amore erotico, per essere vero amore, richiede una condizione: che io ami dall'essenza del mio es-sere, e “senta” l'altra persona nell'essenza del suo essere. Nell'essenza, tutti gli esseri umani sono identici. Siamo tutti parte di Uno; siamo Uno. Partendo da questo principio, non ha importanza chi amiamo. L'amo-re dovrebbe essere essenzialmente un atto di volontà, di decisione di unire la propria vita a quella di un'al-tra persona. Questo è, in verità, ciò che di razionale v'è dietro il concetto dell'insolubilità del matrimonio, com'è dietro molti matrimoni tradizionali, in cui i due sposi non si scelgono tra loro, ma vengono scelti l'u-no per l'altro, e che tuttavia ci si aspetta si amino. Nella civiltà occidentale moderna questo concetto appare falso, nel suo insieme. L'amore dovrebbe essere una reazione emotiva, spontanea, un sentirsi improvvisa-mente uniti da un sentimento irresistibile. Sotto questo aspetto, si vedono solo le caratteristiche dei due es-seri coinvolti, e si dimentica il fatto che tutti gli uomini sono parte di Adamo, e tutte le donne parte di Eva. Si trascura un fattore fondamentale, nell'amore erotico: quello di volere. Amare qualcuno non è solo un for-te sentimento, è una scelta, una promessa, un impegno. Se l'amore fosse solo una sensazione, non vi sareb-bero i presupposti per un amore duraturo. Una sensazione viene e va. Come posso sapere che durerà sem-pre, se non sono cosciente e responsabile della mia scelta?
Tenendo conto di questi elementi, si arriva alla conclusione che l'amore è essenzialmente un atto di volontà, e che di conseguenza non importa chi ne sia l'oggetto. Sia il matrimonio combinato da altri, sia es-so il risultato di una libera scelta, basterebbe un atto di volontà a garantire la durevolezza dell'amore. Que-sto punto di vista sembra non tener conto del carattere paradossale della natura umana e dell'amore erotico. Tutti noi siamo Uno, eppure ognuno di noi è un'entità unica, separata. Nei nostri rapporti col prossimo si ripete lo stesso paradosso. In quantoché siamo uno, possiamo amare tutti nello stesso modo, nel senso di amore fraterno. Ma in quantoché siamo esseri distinti, l'amore erotico esige prerogative strettamente indi-viduali, che esistono tra determinate persone, e non certo tra tutte.
Entrambi i punti di vista, perciò, sia quello dell'amore erotico inteso come attrazione strettamente in-dividuale tra due persone, sia quello dell'amore erotico considerato come un atto di volontà sono fondati, o meglio la verità non è né questa né quella. Di conseguenza, il concetto di un rapporto che si possa facil-mente troncare se fallisce, è altrettanto errato del concetto che tale rapporto non possa mai essere troncato.

Amore per se stessi. Mentre non suscita nessuna obiezione l'applicazione del concetto d'amore a vari oggetti, è opinione diffusa che sia virtuoso amare gli altri e peccato amare se stessi. Si ritiene che nella misura in cui amo me stesso non posso amare gli altri, che l'amore per se stessi sia una forma egoistica d'amore. Questo punto di vista ha la sua origine nel pensiero occidentale. Calvino parla di amore per se stessi come di “ una peste ”, Freud ne parla in termini psichiatrici, ma, nonostante ciò, il suo giudizio è u-guale a quello di Calvino. Per lui, amore per se stessi significa narcisismo, libido verso se stessi. Il narcisi-smo è il primo stadio dello sviluppo umano, e la persona che in età adulta ritorna a questo stadio è incapace di amare; nel caso estremo è malata di mente. Freud parte dal presupposto che l'amore sia la manifestazio-ne della libido, e che la libido sia o rivolta verso altri (amore) o verso se stessi (amore per se stessi). Amore per gli altri e amore per se stessi sono reciprocamente esclusivi, nel senso che pia ve n'è di uno, meno ve n'è dell'altro. Se l'amore per se stessi è peccato, ne deriva che l'altruismo è virtù. Sorgono ora queste do-mande: L'osservazione psicologica sopporta la tesi che ci sia una contraddizione basilare tra l'amore per se stessi e l'amore per gli altri? È l'amore per se stessi lo stesso fenomeno dell'egoismo, oppure è l'opposto? Inoltre, è l'egoismo per l'uomo moderno un vero interesse per se stesso come individuo, con tutte le sue possibilità intellettuali, emotive e sensuali? Non è egli diventato un'appendice del suo ruolo economi-co sociale? È il suo egoismo uguale all'amore per se stesso, oppure è cagionato dalla mancanza di esso?
Prima di parlare dell'aspetto psicologico dell'egoismo e dell'amore per se stessi, va sottolineato l'erro-re che l'amore per gli altri e l'amore per se stessi siano reciprocamente esclusivi. Se è virtù amare i miei vi-cini come esseri umani, deve essere virtù, e non vizio, amare me stesso, poiché anch'io sono un essere u-mano. Non esiste concetto d'umanità in cui io stesso non sia incluso. Una dottrina che proclama una simile esclusione è contraddittoria. Il concetto biblico “ama il tuo prossimo come te stesso” significa che il rispet-to per la propria integrità, l'amore e la comprensione di se stessi, non possono essere scissi dal rispetto, dal-l'amore e dalla comprensione per un altro essere umano.
Siamo ora arrivati alle premesse psicologiche sulle quali si fonda il nostro argomento. Generalmente queste premesse sono come segue: non solo altri, ma anche noi stessi siamo l'oggetto dei nostri sentimenti e attitudini; le attitudini verso gli altri e verso noi stessi sono fondamentalmente congiuntive Rispetto al problema in questione ciò significa: l'amore per se stessi si trova in coloro che sono capaci di amare il prossimo. L'amore, come principio, è indissolubile per quel che riguarda la connessione tra “oggetti” e noi stessi. L'amore genuino è un'espressione di produttività ed implica cure, rispetto, responsabilità e compren-sione. Non è un “affetto” nel senso di essere amato da qualcuno, ma uno sforzo attivo per la crescita e la felicità dell'essere amato, dettato dalla propria capacità di amare.
Amare qualcuno è la realizzazione e la concentrazione dei potere d'amore. L'affermazione fondamen-tale contenuta nell'amore è diretta verso la persona amata come verso un'incarnazione di qualità essenzial-mente umane. L'amore per una persona implica l'amore per l'uomo come tale. La “divisione del lavoro ”, come William James la chiama, per cui un uomo ama la famiglia ma non sente niente per lo “ straniero ”, è sintomo d'incapacità d'amare. L'amore dell'uomo non è, come generalmente si crede, una astrazione che viene dopo l'amore per una specifica persona, ma è la sua premessa, sebbene geneticamente la si acquisisca amando specifici individui.
Ne deriva che il mio io deve essere un oggetto di amore tanto quanto ogni altro essere. L'affermazio-ne della propria vita, felicità, crescita, libertà è determinata dalla propria capacità di amare, cioè nelle cure, nel rispetto, nella responsabilità e nella comprensione. Se un individuo è capace di amare in modo produt-tivo, ama anche se stesso; se può amare solo gli altri, non può amare completamente.
Se l'amore per se stessi non è disgiunto dall'amore per gli altri, come ci spieghiamo l'egoismo, che ovviamente esclude qualsiasi interesse genuino per gli altri? L'egoista s'interessa solo di se stesso, vuole tutto per sé, non prova gioia nel dare, ma solo nel ricevere. Vede il mondo esterno solo dal punto di vista di ciò che può ricavarne; non ha interesse per le necessità degli altri, né rispetto per la loro dignità e integrità. Non può vedere altro che se stesso; giudica tutto e tutti dall'utilità che gliene deriva; è fondamentalmente incapace d'amare. Questo non prova che l'interesse per gli altri e l'interesse per se stessi sono alternative i-nevitabili? Sarebbe così se l'egoismo e l'amore per se stessi fossero la stessa cosa. Ma questa convinzione è l'errore che ha suscitato tante conclusioni errate riguardo il nostro problema. Egoismo e amore per se stessi, anziché essere uguali, sono opposti. L'egoista non ama troppo se stesso, ma troppo poco; in realtà odia se stesso. Questa mancanza di amore per sé, che è solo un'espressione di mancanza di produttività, lo lascia vuoto e frustrato. È solo un essere infelice e ansioso di trarre dalla vita le soddisfazioni che impedisce a se stesso di raggiungere. Sembra interessarsi troppo di sé, ma in realtà non fa che un inutile tentativo di com-pensare la mancanza di amore per sé. Freud sostiene che l'egoista è un narcisista, che ha concentrato su se stesso ogni capacità d'amore. P vero che gli egoisti sono incapaci di amare gli altri, ma sono anche incapa-ci di amare se stessi.
È più facile capire l'egoismo se lo si paragona ad un morboso interesse per gli altri, come lo trovia-mo, ad esempio, in una madre troppo premurosa. Mentre lei crede di essere particolarmente attaccata al suo bambino, in realtà ha una profonda, repressa ostilità per l'oggetto del proprio interesse. È eccessivamente premurosa, non perché ami troppo il proprio figlio, ma perché deve compensare la sua incapacità di amar-lo.
Questa teoria sulla natura dell'egoismo è nata dall'esperienza psicoanalitica dell'“altruismo” nevrotico, un sintomo di ne-vrosi osservato in molti soggetti turbati non solo da questo sintomo, ma da altri ad esso connessi, quali la depressione, la stan-chezza, l'incapacità di lavorare, il fallimento nei rapporti col prossimo, e via dicendo. Non solo l'altruismo non è considerato un “sintomo”; è spesso l'unico tratto positivo del carattere del quale i soggetti si vantano. La persona “ altruista ” non vuole niente per sé; vive solo per gli altri, si vanta di non considerarsi importante. È sorpresa di scoprire che, ad onta del proprio altruismo, è assai infelice e che i suoi rapporti con coloro che la circondano non l'appagano. Uno studio analitico dimostra che questo altrui-smo non è qualcosa di separato dagli altri sintomi, ma uno di essi, e spesso il più importante; che il soggetto è inibito nelle pro-prie capacità di amare e di godere; che è pieno di ostilità verso la vita e che dietro la facciata dell'altruismo si nasconde un sottile ma intenso egocentrismo. Questo individuo può essere curato solo se anche il suo altruismo è interpretato come un sintomo tra gli altri, in modo che la sua aridità, che sta alla base sia dell'altruismo che degli altri sintomi, possa essere corretta.
La natura dell'altruismo si manifesta in modo particolare nell'effetto che la madre “ altruista ” ha sui propri figli. È convinta che il suo altruismo insegnerà ai figli a provare che cosa significhi essere amati, e ad apprendere, a loro vol-ta, che cosa significhi amare. L'effetto del suo altruismo, tuttavia, non corrisponde mai alle sue aspettative. I bambini non mostrano la felicità delle persone convinte di essere amate; sono tesi, timorosi del giudizio materno, e ansiosi di appagare le sue speranze. Di solito, sono colpiti dall'ostilità repressa della madre verso la vita, ostilità che essi sento-no oscuramente, restandone spesso influenzati. Nell'insieme, l'effetto della madre “altruista” non è troppo diverso da quello della madre egoista anzi, spesso è peggiore, perché l'altruismo della madre impedisce ai figli di criticarla. Si sentono nell'obbligo di non deluderla; imparano, sotto la maschera della virtù, il disprezzo per la vita. Chiunque ab-bia possibilità di studiare l'effetto di una madre dotata di genuino amore per se stessa, può vedere che non c'è niente di più utile che dare a un bambino l'esperienza di ciò che è amore, gioia, felicità, che solo può ricevere il bambino amato da una madre che ama se stessa.
Questo concetto di amore per se stessi può essere sintetizzato citando questa massima di Meister E-ckhart: “Se ami te stesso, ami gli altri come ami te stesso. Finché amerai un'altra persona meno di te stesso, non riuscirai mai ad amare te stesso, ma se ami tutti nello stesso modo, compreso te stesso, li amerai come una persona, e quella persona è sia Dio sia l'uomo. t grande e giusto chi, amando se stesso, ama in ugual modo il suo prossimo.”

Nessun commento:

Posta un commento

Video Preferiti

Loading...

Elenco libri utili

  • Le madri non sbagliano mai di Giovanni Bollea
  • Fate i bravi di Lucia Rizzi
  • Le regole per i genitori di Richard Templar
  • I NO che aiutano a crescere di Asha Phillips

Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo (ONU - 1959)


PREAMBOLO

Considerato che, nello Statuto, i popoli delle Nazioni Unite hanno riaffermato la loro fede nei diritti fondamentali dell'uomo e nella dignità e nel valore della persona umana, e che essi si sono dichiarati decisi a favorire il progresso sociale e a instaurare migliori condizioni di vita in una maggiore libertà;

Considerato che, nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo Le Nazioni Unite hanno proclamato che tutti possono godere di tutti i diritti e di tutte le libertà che vi sono enunciate senza distinzione di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di ogni altra opinione, d'origine nazionale o sociale, di condizioni economiche, di nascita o di ogni altra condizione;

Considerato che il fanciullo, a causa della sua immaturità fisica e intellettuale, ha bisogno di una particolare protezione e di cure speciali

compresa una adeguata protezione giuridica, sia prima che dopo la

nascita;

Considerato che la necessità di tale particolare protezione è stata

Dichiarazione del 1924 sui diritti del fanciullo ed è stata riconosciuta nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo come anche negli statuti degli Istituti specializzati e delle Organizzazioni internazionali che si dedicano al benessere dell'infanzia;

Considerato che l'umanità ha il dovere di dare al fanciullo il meglio di se stessa.


L'ASSEMBLEA GENERALE

Proclama la presente Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo affinché esso abbia una infanzia felice e possa godere, nella interesse suo e di tutta la società, dei diritti e delle libertà che vi sono enunciati; invita genitori, gli uomini e le donne in quanto singoli, come anche le organizzazioni non governative, le autorità locali e i governi nazionali a riconoscere questi diritti e a fare in modo di assicurare il rispetto per mezzo di provvedimenti legislativi e di altre misure da adottarsi gradualmente in applicazione dei seguenti principi:

Principio primo: il fanciullo deve godere di tutti i diritti enunciati nella presente Dichiarazione. Questi dirittidebbono essere riconosciuta tutti i fanciulli senza eccezione alcuna, e senza distinzione e discriminazione fondata sulla razza, il colore, il sesso, la lingua la religione o

opinioni politiche o di altro genere, l'origine nazionale o sociale, le condizioni economiche, la nascita, o ogni altra condizione sia che si riferisca al fanciullo stesso o alla sua famiglia.

Principio secondo: il fanciullo deve beneficiare di una speciale protezione e godere di possibilità e facilitazioni, in base alla legge e ad altri provvedimenti, in modo da essere in grado di crescere in modo sano e normale sul piano fisico intellettuale morale spirituale e sociale in condizioni di libertà e di dignità. Nell'adozione delle leggi rivolte a tal

fine la considerazione determinante deve essere del fanciullo.

Principio terzo: il fanciullo ha diritto, sin dalla nascita, a un nome e una nazionalità

Principio quarto: il fanciullo deve beneficiare della sicurezza sociale.

Deve poter crescere e svilupparsi in modo sano. A tal fine devono essere assicurate, a lui e alla madre le cure mediche e le protezioni sociali

adeguate, specialmente nel periodo precedente e seguente alla nascita Il fanciullo ha diritto ad una alimentazione, ad un alloggio, a svaghi e a cure mediche adeguate.

Principio quinto: il fanciullo che si trova in una situazione di minoranza fisica, mentale o sociale ha diritto a ricevere il trattamento, l’educazione e le cure speciali di cui esso abbisogna per il suo stato o la sua condizione.

Principio sesto: il fanciullo, per lo sviluppo armonioso della sua personalità ha bisogno di amore e di comprensione. Egli deve, per quanto è possibile, crescere sotto le cure e la responsabilità dei genitori e, in ogni caso, in atmosfera d'affetto e di sicurezza materiale e morale. Salvo circostanze eccezionali, il bambino in tenera età non deve essere separato dalla madre. La società e i poteri pubblici hanno il dovere di aver cura particolare dei fanciulli senza famiglia o di quelli che non hanno sufficienti mezzi di sussistenza. E' desiderabile che alle famiglie numerose siano concessi sussidi statali o altre provvidenze per il mantenimento dei figli.

Principio settimo: il fanciullo ha diritto a una educazione, che, almeno a livello elementare deve essere gratuita e obbligatoria. Egli ha diritto a godere di un educazione che contribuisca alla sua cultura generale e gli consenta, in una situazione di eguaglianza di possibilità, di sviluppare le sue facoltà, il suo giudizio personale e il suo senso di responsabilità morale e sociale, e di divenire un membro utile alla società. Il superiore interesse del fanciullo deve essere la guida di coloro che hanno la responsabilità della sua educazione e del suo orientamento; tale responsabilità incombe in primo luogo sui propri genitori 11 fanciullo deve avere tutte le possibilità di dedicarsi a giuochi e attività ricreative che devono essere orientate a fini educativi; la società e i poteri pubblici devono fare ogni sforzo per favorire la realizzazione di tale diritto.

Principio ottavo: in tutte le circostanze, il fanciullo deve essere fra i primi a ricevere protezione e soccorso.

Principio nono: il fanciullo deve essere protetto contro ogni forma di negligenza, di crudeltà o di sfruttamento. Egli non deve essere sottoposto a nessuna forma di tratta. Il fanciullo non deve essere inserito nell’attività produttiva prima di aver raggiunto un'età minima adatta. In nessun caso deve essere costretto o autorizzato ad assumere un occupazione o un impiego che nuocciano alla sua salute o che ostacolino il suo sviluppo fisico, mentale, o morale.

Principio decimo: il fanciullo deve essere protetto contro le pratiche che possono portare alla discriminazione razziale, alla discriminazione religiosa e ad ogni altra forma di discriminazione Deve essere educato in uno spirito di comprensione, di tolleranza, di amicizia fra i popoli, di pace e di fratellanza universale, e nella consapevolezza che deve consacrare le sue energie e la sua intelligenza al servizio dei propri simili.

Pictures of Cute Babies

LA CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO

‘’Gesù si recò in una città chiamata Nain…ed ecco che veniva portato al sepolcro un figlio unico di madre vedova…Il Signore ne ebbe compassione e le disse: Donna, non piangere! Ed accostatosi.. disse: Giovinetto, dico a te, alzati! Il bambino si levò a sedere e cominciò a parlare. Ed Egli lo diede alla madre.’’
(Luca, 7, 1-7)

Articolo 1

Il bambino ha diritto, fin dal concepimento, al massimo grado raggiungibile di salute con il migliore livello di assistenza possibile;
ha diritto ad essere assistito in modo globale

Tutto il personale dell’Ospedale Bambino Gesù oltre a ‘’curare’’, si “prende cura” del piccolo malato e della sua famiglia, unendo agli aspetti specifici dell’assistenza ospedaliera la carità amorevole, quotidianamente ridestata dal mistero della sofferenza nel bambino.

Già in epoca prenatale, il nostro Ospedale si impegna per la promozione della salute attraverso interventi educativi e di assistenza alla gravidanza ed al parto; successivamente attua interventi sanitari per la promozione della salute e per la prevenzione di incidenti e malattie.

L’Ospedale garantisce che il bambino resti ricoverato per il minor tempo possibile, compatibilmente con il tipo di patologia e solo se non è possibile far fronte in altro modo alle sue esigenze assistenziali, favorendo pertanto l’Assistenza Domiciliare, il Day Hospital e il Day Surgery.

Esso si impegna inoltre ad aggiornare costantemente le proprie competenze professionali al fine di raggiungere uno sviluppo scientifico e tecnico di eccellenza.

Articolo 2

Il bambino ha diritto alla continuità delle cure

L’Ospedale assicura la presa in carico del paziente da parte di una equipe medica referente, che segue il paziente nel percorso interno all’Ospedale e dopo la dimissione.

Promuove e mantiene rapporti di collaborazione con la famiglia e le strutture del territorio, al fine di garantire la continuità terapeutica, in particolare per i bambini con malattie croniche o che necessitano di riabilitazione.

Il personale si impegna affinchè il bambino e la sua famiglia acquisiscano le conoscenze e le capacità necessarie per la gestione il più possibile autonoma della malattia.

Articolo 3

Il bambino ha diritto, durante il ricovero, ad avere accanto i propri genitori
o qualcuno che ne faccia le veci

L’Ospedale Bambino Gesù si impegna a promuovere il contatto diretto e continuativo madre-neonato, al fine di favorirne il reciproco attaccamento.

L’Ospedale garantisce sempre la possibilità di permanenza di un familiare o di un’altra figura di riferimento, anche in reparti di cura intensiva e nelle situazioni assistenziali in cui si prevedono interventi invasivi, compatibilmente con le esigenze cliniche e organizzative.

Nel caso in cui il bambino si trovi in una situazione di abbandono, o di difficoltà del nucleo familiare, sono disponibili operatori che permettono al bambino di mantenere relazioni umane significative.

Articolo 4

Il bambino ha diritto alla tutela del proprio sviluppo fisico, psichico
e relazionale anche nei casi in cui necessiti di isolamento

In caso di ricovero prolungato, l’Ospedale garantisce la continuità del percorso educativo-scolastico.

Aree di gioco dedicate ai bambini ricoverati ed i loro fratelli sono messe a disposizione nell’Ospedale.

È consentito al bambino ricoverato di tenere con sé i propri giochi, il vestiario e qualsiasi altro oggetto da lui desiderato, se questi non rappresentano un pericolo o un ostacolo per il suo o altrui programma di cure.

Articolo 5

Il bambino ha il diritto di essere considerato una persona, di essere trattato con sensibilità e comprensione e al rispetto della sua privacy

Tutto il personale sanitario dell’Ospedale si impegna ad identificare il bambino con il suo nome, e a rispettarne l’identità culturale e la fede religiosa.

L’approccio nei confronti del paziente è personalizzato, riservando uno spazio di attenzione adeguato alle esigenze del bambino ed a quelle dei familiari.

L’Ospedale si impegna a creare le condizioni atte a garantire il rispetto del pudore e della riservatezza del bambino e della sua famiglia.

Articolo 6

I bambini ed i genitori hanno il diritto di essere informati in maniera appropriata, in relazione all’età ed al grado di comprensione

Il personale informa genitori e bambini sulle condizioni di salute e sulle procedure cui il bambino verrà sottoposto con linguaggio comprensibile ed adeguato al suo sviluppo ed alla sua maturazione. Ciò comporta l’utilizzo di spazi, tempi, modalità e strumenti comunicativi idonei ai singoli casi, ricorrendo anche alle immagini, ai disegni, alla narrazione e al gioco.

Per le persone straniere, con scarsa conoscenza della lingua italiana, l’Ospedale attiva rapporti con servizi di interpretariato o mediatori culturali.

Articolo 7

Il bambino ha diritto di essere coinvolto nelle decisioni diagnostiche e terapeutiche che lo riguardano

Un assenso/dissenso progressivamente consapevoli in rapporto alla maturazione del bambino andranno sempre promossi e ricercati anche e soprattutto attraverso le relazioni familiari.

La sperimentazione sul minore può essere effettuata solo se non esiste la possibilità di perseguire analoghi risultati su soggetti di maggiore età né una cura alternativa migliore; essa è sempre vincolata al consenso di chi esercita la potestà genitoriale.

Articolo 8

Il bambino ha diritto di essere sottoposto agli interventi diagnostico-terapeutici meno invasivi e dolorosi

Gli operatori dell’Ospedale prestano un’attenzione particolare alla sofferenza del bambino, anche se inespressa, testimoniando la propria Fede e unendo alla propria professionalità una partecipazione amorevole.

Tutto il personale è dedicato a fornire un supporto umano al bambino ed ai suoi familiari per prevenire l’insorgenza del dolore, ridurre al minimo la sua percezione e mettere in atto tutti gli accorgimenti necessari a contenere situazioni di paura, ansia e stress.

L’Ospedale Bambino Gesù garantisce ché il bambino non venga sottoposto ad indagini diagnostiche e trattamenti terapeutici inutili o dannosi.

Articolo 9

Il bambino deve essere protetto da ogni forma di violenza, abbandono e negligenza fisica e morale

L’Ospedale mantiene, durante e dopo il ricovero, il segreto professionale. Ove necessario, segnala ai Servizi preposti alla tutela del minore ogni negligenza o abuso psico-fisico e/o morale sul bambino o situazioni a rischio.

Esso garantisce una stretta collaborazione con i familiari, i servizi sociali territoriali, le strutture religiose, al fine di offrire sostegno al bambino bisognoso.

Articolo 10

Il bambino ha diritto di essere assistito sempre, mantenere dignità e ricevere rispetto anche negli stadi terminali della malattia ed in caso di morte

Il personale sanitario dell’Ospedale è dedicato a difendere la vita sempre, ad offrire cure che allevino il dolore nella fase terminale della vita e a non accanirsi con diagnostiche e terapie vane.

Durante la fase terminale della vita il bambino ha diritto di essere assistito e accompagnato, insieme alla famiglia, da medici, infermieri, religiosi e psicologi che sappiano unire alle cure una intensa partecipazione umana, di fede e di preghiera.

Il personale sanitario e religioso si prende cura della famiglia anche dopo il commiato con discreta e partecipe disponibilità, rispettando i tempi di elaborazione del lutto, sostenendo la famiglia e contribuendo con empatia e carità ad una rinnovata speranza di vita.

“Mettete ogni impegno per aggiungere alla vostra fede la virtù, alla virtù la conoscenza, alla conoscenza la temperanza, alla temperanza la pazienza, alla pazienza la pietà, alla pietà l’amore fraterno, all’amore fraterno la carità. Se queste cose si trovano in abbondanza in voi non vi lasceranno oziosi né senza frutto”
(2^ Lettera di Pietro 1, 5-8)

LE 10 REGOLE DELLA FELICITA'!

LE 10 REGOLE DELLA FELICITA'
Tratto dal libro "Le 10 regole della felicità" di Adam J. Jackson, una moderna parabola di saggezza.

PRIMA REGOLA DELLA FELICITA':
L'ATTEGGIAMENTO. Il fondamento della mia felicità comincia dal mio atteggiamento nei confronti della vita.Sono felice nella misura in cui decido di esserlo. D'ora in poi deciderò di essere felice.Se mi aspetto il meglio, molto spesso lo otterrò! La felicità è una scelta che posso fare in qualsiasi momento, ovunque e in qualsiasi luogo. Qualsiasi esperienza può essere "reinterpretata", assumendo un significato positivo. D'ora in avanti, cercherò un aspetto positivo in chiunque e in qualunque cosa.In ogni circostanza difficile o stressante, devo pormi le tre domande che aumenteranno il mio potere: • Qual è il lato positivo di questa situazione? • Oppure, quale potrebbe essere il lato positivo? • Che cosa non è ancora perfetto? • Che cosa posso fare per cambiare le cose nella direzione che desidero, e contemporaneamente per divertirmi? La gratitudine è il seme delle 10 regole della felicità. D'ora in poi cercherò motivi per cui essere grato.Sono unicamente i miei pensieri a rendermi felice o infelice, e non le circostanze della mia vita. Io controllo i miei pensieri, dunque controllo la mia felicità.
SECONDA REGOLA DELLA FELICITA': IL CORPO. Il movimento influenza il sentimento.L'esercizio fisico allevia lo stress e causa una reazione chimica che ci aiuta a sentirci meglio. Praticare un'attività fisica regolare - possibilmente giornaliera - per almeno 30 minuti.I miei sentimenti sono influenzati dalla mia postura. Una postura decisa crea uno stato d'animo felice.La felicità può essere consapevolmente suscitata in qualsiasi momento utilizzando un "ancora".I cibi che mangiamo influiscono sui nostri stati d'animo. Evitare gli alimenti che inducono stati depressivi, come il caffè, tè, alcool, amidi, zuccheri e additivi artificiali. Mangiare molta frutta e verdura fresche, cereali integrali e legumi.La mancanza di luce può causare depressione. Uscire al sole per almeno un'ora al giorno, se è possibile. TERZA REGOLA DELLA FELICITA': L'ATTIMO.
La felicità non si trova negli anni o nei mesi o nelle settimane, e neppure nei giorni, ma si può trovarla in ogni attimo.Traiamo il massimo dalla nostra vita solo traendo il massimo da ogni attimo.I ricordi sono formati da momenti speciali: accumulane più che puoi.Vivere l'attimo dissolve il rimpianto, vince l'ansia e riduce lo stress. Ricordati che ogni nuovo giorno è un nuovo inizio, una nuova vita.
QUARTA REGOLA DELLA FELICITA': L'IMMAGINE DI SE'. E' SCRITTO: "Un uomo è ciò che in fondo al cuore crede di essere". Siamo ciò che pensiamo. Se mi sento insoddisfatto di me stesso, sarò insoddisfatto della mia vita. Perciò, per vivere un'esistenza felice, devo prima imparare ad amare me stesso.Ciascuno di noi è speciale. Ciascuno di noi è un vincitore, perché ciascuno di noi è venuto al mondo smentendo un pronostico sfavorevole di uno contro 300.000 miliardi.Gli altri sono i nostri specchi, ma sono specchi distorti.Per vincere i complessi e le opinioni negative che nutro nei miei confronti e per creare una positiva immagine di me stesso, devo per prima cosa scoprire da dove vengono tali opinioni e se sono vere (se lo sono, è necessario cambiarle).Ogni giorno, formulare affezioni positive che descrivano il tipo di persona che voglio essere.Comportarmi come se fossi già quella persona.Chiedermi quali sono i lati della mia personalità che amo e rispetto.
QUINTA REGOLA DELLA FELICITA': GLI SCOPI. Gli scopi conferiscono alla nostra vita una regola ed un significato. Grazie agli scopi, ci concentriamo sul raggiungimento del piacere, invece a limitarci ad evitare il dolore.Gli scopi ci conferiscono una ragione per alzarci dal letto la mattina. Gli scopi rendono più facili i momenti difficili, e più piacevoli i momenti belli.La tecnica della sedia a dondolo aiuta a definire sia gli scopi da raggiungere nell'arco dell'intera vita, sia quelli più immediati, a breve termine. Annotare i propri obiettivi e rileggerli: • la mattina, al risveglio; • più volte nel corso della giornata; • la sera, prima di coricarsi. Ricordarsi di ripetere la tecnica della sedia a dondolo almeno due volte l'anno, per assicurarsi che gli obiettivi prestabiliti siano ancora quelli realmente desiderati. ("TECNICA DELLA SEDIA A DONDOLO: è una tecnica molto semplice, in cui il soggetto immagina di trovarsi ormai alla fine della propria vita e di essere seduto su una sedia a dondolo, intento a riflettere su come ha vissuto e su che cosa ha realizzato. Che cosa vorrebbe ricordare? Che cosa vorrebbe aver fatto? Quali luoghi vorrebbe aver visitato? Di quale natura vorrebbe fossero stati i suoi rapporti con gli altri? E, soprattutto, quando arriva il momento di sedersi sulla sedia a dondolo, che tipo di persona vorrebbe essere diventato?" Questa tecnica aiuta a creare degli scopi a lungo termine.)
SESTA REGOLA DELLA FELICITA': L'UMORISMO. L'umorismo allevia lo stress e crea la felicità.Ridere migliora la nostra capacità di concentrazione e aumenta la nostra abilità nel risolvere i problemi.In qualunque esperienza, se si cerca un lato comico, lo si trova.Invece di chiedersi ; "Qual è il lato terribile di questa situazione?" domandarsi: "Qual è il suo lato comico?" oppure: "Quale potrebbe essere?"Ricorrere sempre alla formula antistress in due fasi: 1. Non preoccuparti delle piccole cose: 2. Ricorda, la maggior parte delle cose sono piccole.
SETTIMA REGOLA DELLA FELICITA': IL PERDONO. Il perdono è la chiave che apre la porta della felicità.Non possiamo essere felici se portiamo in cuore sentimenti di odio o di risentimento. Dobbiamo ricordare che siamo solo noi a soffrire a causa della nostra amarezza.Gli errori e i fallimenti sono lezioni di vita. Dobbiamo perdonare noi stessi e gli altri. Ricordarsi della preghiera degli indiani Sioux:"O grande Spirito, fa' che io non critichi né giudichi un uomo prima di aver camminato per due settimane nei suoi mocassini."
OTTAVA REGOLA DELLA FELICITA': IL DARE. La felicità non si trova nel possedere o nell'ottenere per se stessi, bensì nel dare e nell'aiutare gli altri.Più gioia e felicità diamo agli altri, più ne riceviamo.Ogni giorno posso creare la felicità nella mia vita andando in cerca di opportunità per diffondere la gioia. NONA REGOLA DELLA FELICITA':LE RELAZIONI. La qualità della mia vita è la qualità delle mie relazioni.Nessun uomo è un'isola. Tutti noi abbiamo bisogno di relazioni con gli altri. Le relazioni intime rendono migliori i momenti belli e più facili da sopportare i momenti brutti. Una gioia condivisa è una gioia raddoppiata, ma un problema condiviso è un problema dimezzato. Tratta chiunque incontri pensando che forse non lo rivedrai mai più.
DECIMA REGOLA DELLA FELICITA': LA FEDE. La fede è il fondamento della felicità.Senza la fede, non esiste felicità durevole.La fede crea fiducia, porta la pace della mente e libera l'anima dal dubbio, dalla preoccupazione, dall'ansia e dalla paura.

SERVIZI OFFERTI DALLA DOTTORESSA TURCHETTA

* Supporto psicologico on line (tramite chat, mail) o telefonico.

* Organizza e gestisce gruppi per la gestione di problematica psicologiche come la dipendenza affettiva, ecc.

* Organizza anche i seguenti Corsi di Promozione del Benessere Psicologico:


- Corso di supporto psicologico alla genitorialità:
"Dall’attesa alla Nascita."
"Il rapporto con il figlio adolescente."


- Corso di supporto psicologico alla Terza età:
"Come vivere serenamente la menopausa, il pensionamento e i primi acciacchi."


- Corso di supporto psicologico al paziente oncologico e ai suoi familiari:
"Capire cos’è un tumore, accettarlo e imparare a conviverci serenamente."


- Corso di supporto psicologico per l’elaborazione del lutto:
"Lutto... Dalla disperazione della perdita del proprio caro, all'elaborazione e rinascita psicoemotiva."


- Corso di supporto psicologico al divorzio:
"Quando l’amore finisce... come gestire la rottura e salvaguardare il rapporto con i figli."


- Corso di supporto psicologico alla neomamma:
"Come affrontare serenamente il rientro a casa."

"Come gestire emotivamente il nuovo arrivato"

"Dall’allattamento alla baby blues:
la nascita di un nuovo legame."

SUPPORTO ALLE NEO MAMME

Gruppi supportivi per le neo-mamme

Gruppo coordinato dalla Dottoressa Veronica Turchetta

I gruppi nascono per OFFRIRE UNO SPAZIO DI ASCOLTO E SUPPORTO PSICOLOGICO per le neo-mamme, per tutelare il loro benessere psicologico e dei bambini. Le energie dopo la nascita di un bambino sono concentrate su più fronti: sull'accudimento del bambino, se si riesce "su se stessa", sul partner e spesso in ambito lavorativo, MA E' COMPLICATO E DIFFICILE conciliare il tutto. La donna oggi vive un momento di delicato cambiamento soggettivo e sociale ed è difficile e faticoso investire le proprie energie su più fronti.
Il gruppo di neo-mamme è un’occasione d’incontro tra persone “unite dalla stessa esperienza”. E' un gruppo che prende forma dagli incontri in base alle esigenze e all'ascolto dato alle partecipanti.
E’ un momento per “ROMPERE L'ISOLAMENTO E CONDIVIDERE IL PROPRIO VISSUTO EMOTIVO” in una fase così delicata di cambiamento della propria vita in cui nella coppia subentra il piccolo neonato bisognoso di attenzioni particolari.
E’ un momento per CONDIVIDERE la propria esperienza di neo-mamma (faticosa e gioiosa che sia) in un contesto protetto dai giudizi.
Questi gruppi non possono dare tutte le risposte ad eventuali momenti di sconforto e impotenza che soprafanno le mamme, ma sono un utile tentativo per non continuare ad ignorare un problema di fondo, ossia, che mettere al mondo dei figli è molto bello ed entusiasmante sì, ma per molti è anche molto faticoso e a risentirne non sono solo le mamme ma anche i bambini e il sistema familiare.
(4 incontri continuativi formate dalle persone dello stesso gruppo)
(Giorno e luogo da definire)
Si richiede (totale per i 4 incontri) una quota minima contributiva spese cadauno di 40.00 euro (contributo necessario anche per materiale informativo ed eventuali dispense).
E' necessaria la PRENOTAZIONE, numero massimo di partecipanti 6 a gruppo

LETTORI FISSI

COLLABORA CON

Dr.ssa Veronica Turchetta iscritto a Medicitalia.it | il motore di ricerca dei medici italiani

L'AUTO AIUTO

L'auto aiuto

In caso di depressione l'auto-aiuto si è rivelato un sostegno utile e complementare alla terapia. In un gruppo di auto-aiuto i diretti interessati o i loro famigliari s'incontrano per uno scambio di esperienze, per una comune ricerca di possibili modi di superare la malattia, ma anche per trovare un sostegno. I gruppi di auto-aiuto aiutano i diretti interessati e i famigliari a costruire nuovi contatti sociali.



Guida per gruppi di auto-aiuto


Io stesso sono colpito dalla depressione oppure sono un famigliare di una persona psichicamente ammalata. Nel gruppo di auto-aiuto per diretti interessati o in quello per famigliari trovo delle persone in una situazione simile alla mia. Ci scambiamo le nostre esperienze parlandone apertamente. Mi rendo conto che non succede solo a me. Le mie esperienze possono essere utili per altri e da parte mia posso approfittare delle esperienze altrui. I gruppi di auto-aiuto non sono diretti da specialisti, dunque non sono dei gruppi di "terapia". Ogni membro del gruppo gode di pari diritti e partecipa al successo del gruppo. Il termine "auto-aiuto" significa essere determinato a riprendere le redini della propria vita. In questo lavoro sono aiutato da persone con lo stesso obiettivo.


Condizioni di massima per gruppi di auto-aiuto

Ci sono diverse possibilità per far funzionare un gruppo. Il gruppo funziona bene se i partecipanti si sentono a loro agio e possono trarre profitto dal gruppo. Le seguenti condizioni di massima ci aiutano nella creazione di nuovi gruppi e quando vogliamo superare delle difficoltà in caso di problemi. All'inizio è importante che i partecipanti del gruppo si accordano sugli obiettivi comuni e sulle regole da osservare nel gruppo. Eventuali cambiamenti vanno fatti sempre di comune accordo.



Le aspettative verso il gruppo di auto-aiuto

Ci sono diverse aspettative che potrei avere verso il gruppo di auto-aiuto:

voglio conoscere meglio me stesso,
voglio acquisire nuove conoscenze sulla malattia,
cerco una rete di supporto per momenti di crisi,
ho bisogno di comunicare,
vorrei imparare a convivere con la malattia e/o superarla,
cerco delle persone amiche da frequentare nel tempo libero,
vorrei aiutare me stesso e dare anche una mano agli altri,
voglio impegnarmi pubblicamente nella lotta contro la stigmatizzazione, ecc.
Nessun gruppo di auto-aiuto può soddisfare tutte queste aspettative contemporaneamente. Per questo motivo devo chiedere a me stesso e a il mio gruppo di auto-aiuto: Cosa è importante per me? Cosa è importante per noi?



Le condizioni esterne per un gruppo di auto-aiuto

Il luogo degli incontri del gruppo

Quale luogo di incontro è utile scegliere un luogo neutro (una sala di riunione, una saletta in un ristorante, in una clinica, in una casa per anziani, ecc.). Dalla nostra esperienza risulta che riunioni in case private non funzionano.


La frequenza degli incontri

La maggior parte dei gruppi si incontra ogni 2 settimane.
Secondo la nostra esperienza gli incontri settimanali vanno bene solo per brevi periodi. Incontrarsi soltanto una volta al mese invece ha lo svantaggio che ci vuole molto più tempo prima che si crei fiducia tra i partecipanti.



La partecipazione
La partecipazione regolare ha un effetto benefico sull'ambiente del gruppo. Se decido di partecipare lo voglio fare regolarmente. In caso di assenza avviso per tempo per evitare che gli altri partecipanti stiano inutilmente in pensiero.



La struttura interna del gruppo

La responsabilità del gruppo

Il gruppo concorda lo svolgimento del programma (invitare uno specialista, organizzare una cena o una festa, un evento pubblico per informare, ecc.). Se un partecipante manca alla riunione del gruppo senza aver avvisato o se sappiamo che un membro del gruppo sta male, vediamo insieme chi di noi si prende l'incombenza di informarsi.


L'organizzazione degli incontri

Non solo ogni persona è unica, anche ogni gruppo lo è. In certi gruppi gli incontri sono strutturati in modo chiaro: giro iniziale, discussione e giro finale. In altri gruppi lo svolgimento degli incontri è molto libero e spontaneo. Altri gruppi ancora fanno dei programmi semestrali o annuali con temi prefissati. Ci sono dei gruppi dove i vissuti attuali dei partecipanti vengono discussi a lungo e in dettaglio.
Importante è, come già accennato, che la forma "giusta" dei nostri incontri sia appropriata e gestita in modo consensuale.



Imparare gli uni dagli altri

Quando un membro del gruppo racconta un suo vissuto possiamo chiederci: Questo è tipico per le persone che reagiscono in modo depresso o bipolare? Questo è tipico per la dinamica tra persone che soffrono di depressione e i cosiddetti "sani"? Come mi sarei sentito io in una situazione simile, come avrei reagito? Come sono riuscito a risolvere una situazione analoga? Facendo così siamo sempre coinvolti e non ci spazientiamo se la situazione di un singolo partecipante è nel centro dell'attenzione.



Come condurre gli incontri

Nel gruppo decidiamo se desideriamo scegliere un moderatore per gli incontri. Il moderatore gestisce gli interventi e sta attento affinché si rimanga in tema, monitorando che tutti abbiano l'occasione di esprimersi. Sarebbe utile se questo compito venisse assegnato a rotazione.
Più ogni membro si sente responsabile dell'ambiente nel gruppo, meno sarà necessario condurre l'incontro.



Le persone di contatto

Sarebbe bene se ogni gruppo di auto-aiuto potesse disporre di 2 o 3 persone di contatto per dividersi i seguenti compiti:
- pubblicità per il gruppo (articoli nei giornali, flyers, ecc.),
- altri contatti verso l'esterno (comune, regione, istituzioni),
- contatto con nuovi interessati, logistica,
- collegamento con EQUILIBRIUM.

Anche le persone di contatto possono aver bisogno di sostegno. Se svolgono soltanto il ruolo di chi aiuta, si rischia che gli altri membri del gruppo si appoggiano troppo, e non colgono l'occasione di assumersi delle responsabilità o degli incarichi.




Le regole d'oro di un gruppo di auto-aiuto

L'obbligo di mantenere la riservatezza

Tutto quanto viene discusso nel gruppo è strettamente confidenziale. Questo è una prerogativa indispensabile per costruire e mantenere la fiducia tra i partecipanti.



Contatti all'infuori degli incontri di gruppo

I problemi dovuti alla nostra malattia comportano spesso un forte senso di solitudine e la perdita dei contatti sociali. Per fortuna è possibile trovare nuove amicizie in un gruppo di auto-aiuto. Durante una crisi acuta potrebbe essere di grande aiuto sapere che posso telefonare a una persona amica, cioè qualcuno del gruppo. A volte è più facile confidarsi con una persona singola. Ma se questo diventa un'abitudine potrebbe andare a scapito del gruppo. Il vantaggio del gruppo è che posso ricevere l'opinione e il sostegno da parte di più persone. Così non dipendo dall'opinione di una sola persona, inoltre resto meno fissato sui miei problemi, perché durante gli incontri ho anche modo di sentire le esperienze degli altri.



Come comunicare

Frequento il gruppo soprattutto per cercare di stare meglio e sono disposto a parlare delle mie esperienze personali. Parlo nella prima persona singolare (io) e non in modo indiretto (si). Parlare di problemi di terze persone nel gruppo può essere dispersivo e fuorviante. Evito di dare dei consigli (soprattutto se non sono richiesti espressamente). Per il gruppo è più utile se ascolto con attenzione ed empatia. Se racconto cosa ha aiutato me in una situazione simile posso offrire aiuto in modo più efficace.



La gestione dei conflitti

Come in ogni altro gruppo, anche in quello di auto-aiuto si possono presentare dei problemi (assenze prolungate, racconti senza fine, persone che vogliono imporsi, rimproverare o dare lezioni, ecc.). Prima riusciamo ad affrontare questi dissapori apertamente all'interno del gruppo, prima si lasciano chiarire e risolvere. Tacere, fare il muso o parlarne alle spalle, fuori dal gruppo, è negativo e nocivo per il gruppo.

Il gruppo funziona anche da campo sperimentale dove posso imparare ad affrontare e gestire malintesi e problemi.



Possibili difficoltà

Importante è che nel gruppo di auto-aiuto ci incoraggiamo a prenderci cura di noi stessi, a difenderci contro pretese assurde, a imparare a dire di no, a far valere i nostri diritti, ecc.
Non è utile invece creare dei comuni nemici (tutti gli uomini sono cattivi, non si può convivere con i depressi, tutti gli psichiatri sono incompetenti, ecc.)

Ognuno di noi ha fatto le sue esperienze di vita. Potrebbe succedere che un membro del gruppo mi attacca, mi fa arrabbiare o innervosire. Come mi sento e come reagisco dipende dalle mie esperienze precedenti. Forse mi ricorda una persona che mi ha fatto soffrire. Quando ho la possibilità di parlarne apertamente nel gruppo, posso sperimentare che la persona con la quale ho delle difficoltà è diversa da quella del mio passato. Questo è un modo di guarire le mie vecchie ferite.



Le situazioni di crisi hanno la precedenza

In genere ogni membro del gruppo ha il diritto ad essere ascoltato. Se uno di noi si trova in una crisi acuta (pensieri di suicido, imminente ricovero in clinica, problemi di relazione o di famiglia, perdita del posto di lavoro, ecc.), allora è chiaro che lasciamo lo spazio necessario a questa persona, offrendo tutto il nostro sostegno. In queste occasioni possiamo scoprire di essere veramente utili ad un'altra persona. Però è bene ricordarsi che possiamo aiutare un'altra persona soltanto quando stiamo abbastanza bene. Non ha senso star male perché ho compassione della sofferenza di un partecipante del gruppo. È importante parlare e trovare delle soluzioni.



I nostri limiti

Un gruppo di auto-aiuto non sostituisce l'intervento medico o specialistico. Se in una fase bipolare non riesco più ad ascoltare le altre persone perché devo parlare continuamente, o se in una fase di profonda depressione non riesco più a parlare perché sono troppo chiuso nel mio mondo infernale, allora divento un peso per il gruppo. I membri del gruppo fanno il possibile per incoraggiare, sostenere e aiutare chi è in difficoltà. A volte questo non basta, e l'aiuto potrebbe consistere nell'accompagnare la persona dal medico.
È importante parlarne nel gruppo e trovare delle soluzioni di comune accordo.
Inoltre ci sono degli esperti nell'associazione Equilibrium ai quali è possibile rivolgersi per consiglio o aiuto.



Per quanto tempo ho bisogno del gruppo?

Quando stiamo bene è comprensibile che vogliamo dimenticare i brutti tempi. Succede spesso che qualcuno dice: "ora sto bene, non ho più bisogno del gruppo." Così si sottovaluta che proprio quando stiamo bene il gruppo può darci molte indicazioni su come prevenire nuove crisi, se riusciamo a capire su quali dei nostri atteggiamenti e comportamenti dobbiamo ancora lavorare.

Quando sto male sono contento se una persona che sta bene mi fa coraggio. Così, quando sto bene, posso essere utile anch'io a qualcuno che sta male.

Quando ho deciso di non più partecipare al gruppo, sarebbe preferibile avvertire dando forse anche un motivo, piuttosto che non farmi più vedere.

I GRUPPI DI AUTO - AIUTO: DOVE, COME E PERCHE’


Cosa sono, perché e come possono essere utili, a chi, come organizzarli:
qualche linea guida di base


I gruppi di auto - aiuto sono dei piccoli gruppi di persone che condividono la stessa situazione di vita o le stesse difficoltà. Si costituiscono volontariamente per cercare di soddisfare un bisogno, superare un problema, ottenere un cambiamento in maniera reciproca.

Non si utilizzano operatori professionali, se non per un ruolo definito e mai centrale, poiché la caratteristica dell’autonomia è fondamentale in un gruppo di supporto.

"L’intento comune di tutti i gruppi di auto - aiuto è quello di trasformare coloro che domandano aiuto in persone in grado di fornirlo" (Martini, Sequi, 1988 ), aumentando la padronanza e il controllo sui problemi, in una parola, l ’ auto – efficacia dei partecipanti.

Ecco quattro buoni motivi per costituire un gruppo di auto - aiuto:

Per un supporto emotivo
Per un sostegno informativo
Per un aiuto materiale
Per un’azione politico – sociale a difesa dei propri diritti.

Ci sono diversi tipi di gruppi di auto - aiuto: quelli formati da persone che condividono un handicap o una malattia cronica, quelli costituiti da persone che vogliono cambiare una abitudine, un comportamento (ad esempio gli Alcolisti Anonimi), quelli organizzati da familiari di persone con gravi problemi, gruppi di persone che attraversano un periodo di crisi (un lutto, una separazione), o un periodo positivo ma che cambia radicalmente le loro vite (es. nascita di un figlio),o infine, persone che devono affrontare una situazione o un cambiamento che influisce sulle loro identità (es. al menopausa, il pensionamento).

Nei gruppi di auto - aiuto le persone escono dal ruolo di consumatori, da una situazione di passività e diventano protagoniste, spesso dopo aver affrontato situazioni di grave disagio a cui i sistemi socio sanitari e politici non sono riusciti a dare una risposta sufficientemente rassicurante e adeguata, o magari non l’hanno data affatto.Conoscere persone che hanno attraversato o stanno attraversando le stesse difficoltà, fa sentire meno soli e aiuta a capire che sentimenti e reazioni che sembrano "cattivi" o "folli ", non sono affatto tali. Inoltre incontrare persone che hanno superato gli stessi problemi, o hanno trovato modi ottimali per affrontarli e gestirli può regalare speranza e ottimismo. Una delle funzioni dei gruppi di auto aiuto è proprio quella di "insegnare" ai membri strategie di fronteggiamento dello stress, per affrontarne nel miglior modo possibile le cause e le emozioni correlate.

Si acquisiscono le competenze per avere il maggior controllo possibile sul problema, invece di esserne controllati.

L’accento sulla parità dei membri rende tutti ugualmente responsabili dei risultati raggiunti e dei servizi forniti. Il clima è spontaneo ed informale, e il fatto di dare aiuto, oltre che riceverlo, aiuta a liberarsi dal senso di impotenza e di sfiducia in se stessi che spesso si prova in queste situazioni.

In particolare nei gruppi di auto – aiuto formati da persone che condividono una malattia cronica, i componenti non si sentono più compatiti per la loro situazione, riescono ad "abbassare" le difese e ad esprimere non solo sentimenti di rabbia, di tristezza, ma anche orgoglio per essere riusciti a dare un senso alla propria vita nonostante il peso più difficile che portano con sé.

Aiutare gli altri accresce la propria autostima, aumenta il livello di competenza interpersonale. La persona nota che riesce ad ottenere un equilibrio tra il dare e l’avere, e riproponendole ad altri, consolida quelle strategie di cambiamento che ha acquisito a sua volta.

Questo è particolarmente importante per coloro che sono a volte costretti ad essere aiutati e a dipendere da altri, che così traggono fierezza, soddisfazione nel sostenere a loro volta altre persone, nel vedere che può anche dipendere da loro, sperimentando l’interdipendenza reciproca.

Per i familiari di persone affette da una malattia cronica, il gruppo offre vari tipi di sostegno, che aiutano ad alleviare lo stress, o a chiarire dubbi e paure. Si va quindi dallo scambio di informazioni, all’ascolto e al supporto emotivo nei momenti di stanchezza e depressione, ma anche l’aiuto materiale, come ad esempio sostituzioni nel prendersi cura dell’ammalato e potersi così permettere una "vacanza dal problema" importanti per evitare di accumulare troppo stress. Questi gruppi si mobilitano anche per ottenere prestazioni che migliorino la qualità della vita dei loro cari.

Vorrei ora proporvi qualche suggerimento pratico per l’organizzazione di un primo incontro di un gruppo di auto - aiuto.

  • La prima cosa che si deve fare è verificare che non esistano altri gruppi di questo tipo nella propria zona.
  • Una volta accertata la mancanza di un’iniziativa del genere, mettete un annuncio sul giornalino dell’associazione o su giornali locali per contattare altre persone, create dei volantini semplici e chiari da distribuire nei reparti e negli ambulatori degli ospedali, iniziate insomma una specie di tam – tam.
  • Cercate anche di trovare una sede, che magari sarà anche provvisoria, prestata per questo primo incontro. Sarebbe meglio che non ci si incontrasse in una casa: l’ambiente domestico è pieno di distrazioni, dal telefono che squilla, al vicino che suona alla porta, al ruolo di "padrone di casa" che inevitabilmente si farebbe sentire. Meglio un ambiente neutro, come un locale di un Ospedale (domandate alla Direzione Sanitaria e ai Primari dei reparti interessati), di un Centro sociale o di una associazione di volontariato che disponga di sufficiente spazio per ospitarvi. Potete anche rivolgervi direttamente al Comune di appartenenza.

Bene, eccovi tutti riuniti.

Disponete le sedie in cerchio, in modo da potervi guardare tutti in viso e cercate di cominciare all’ora fissata, senza ritardi.

Iniziate presentandovi solo col vostro nome di battesimo, usando il "tu", dando una motivazione del perché avete voluto partecipare a questo incontro. Gioverà a ciascuno e aiuterà a creare tra di voi un legame di appartenenza. Può iniziare a parlare l’organizzatore del gruppo, chiarendo subito e con decisione alcuni punti:

Che tutto ciò che verrà detto nel gruppo, nel gruppo rimarrà.

Che chi non se la sente ancora di parlare, non è obbligato a farlo, non subirà alcuna pressione in tal senso, né verrà giudicato negativamente per questo motivo. Semplicemente "regalerà" le sue confidenze in un altro momento. Tutti hanno i propri tempi e le proprie necessità.

Che nessuno verrà criticato per quello che fa o non fa, presente o assente che sia.

Emergeranno bisogni, paure, problemi, ma anche proposte: sarebbe utile che a turno si tenesse un verbale della riunione, da riguardare e commentare alla fine dell’incontro, e da cui trarre spunti per stilare un ordine del giorno per la prossima volta e per promuovere attività "ad hoc" come gruppi di incontro medici – pazienti, linee "calde" telefoniche, incontri con legali per conoscere i propri diritti e farli valere, organizzare incontri informali, accostare nuovi membri.

Durante la riunione evitate di mangiare, bere, soprattutto alcolici, e fumare. Potete riservarvi qualche minuto alla fine della riunione per discutere dove e quando dovrà riunirsi il gruppo la volta seguente (cercate di far passare al massimo solo due settimane!), se è il caso di concedervi un rinfresco prima o dopo la riunione, per sentire se c’è qualcuno che si offre volontario per svolgere il ruolo di facilitatore delle discussioni per la prossima riunione, ruolo che dovrà ruotare a turno, e che per questo primo incontro potrebbe svolgere chi di voi si è fatto promotore dell’iniziativa, per stabilire e discutere le norme da seguire, e per porvi alcune domande come:

"Cosa credete che abbiamo conseguito oggi?

Abbiamo seguito l’ordine del giorno? Se no, le diversioni sono state utili e rispondenti ai bisogni dei partecipanti?

Quale fase della riunione ritenete sia andata nel modo migliore? Che cosa vorreste approfondire nelle riunioni future?

Che cosa non è andato bene? Perché? Come potremo correggerlo nel futuro?

E’ stata programmata un’adeguata procedura per verificare a posteriori se i suggerimenti che hanno ricevuto il generale sostegno saranno effettivamente applicati?

Credi che qualcosa sia stata davvero ottenuta? Ti senti allo stesso modo o meglio?

Hanno tutti avuto un’opportunità soddisfacente di esprimersi? Qualcuno è stato trascurato? La discussione è stata tenuta troppo a freno? E’ stato permesso di divagare troppo?" (Silverman, 1989)

Alla fine dell’incontro concedetevi qualche minuto per tenervi per mano in silenzio. Ripetete questa semplice azione alla fine di ogni riunione.

Può capitare di sentirsi un po’ giù di corda alla fine dell’incontro perché ci si è fatti carico dei problemi degli altri o magari si sono ascoltate storie cliniche più serie delle proprie. Non scoraggiatevi! Avete fatto il passo più importante e coraggioso: uscire da voi stessi e incontrare l’altro. Ora ne dovete compiere un altro e un altro ancora. Insieme.

Si è verificato un errore nel gadget

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITA'

E’ ormai appurato quanto la maternità cambi nella donna la percezione della propria identità, ma anche come la nascita di un figlio sia un evento ri-organizzatore dell’assetto famigliare. La maternità rappresenta anche un intreccio di criticità e sfide, che in quanto tali possono evolvere verso il cambiamento maturativo o rischiare di trasformarsi in malessere.

Questo servizio mira alla costruzione di una “Scuola per genitori” che non dimentica anche chi non lo sia ancora, perché pur desiderandolo non riesce a diventarlo o perché frenato da desideri ambivalenti.

L’aborto: La valutazione delle difficoltà che le équipe di lavoro incontrano nell’essere effettivamente di aiuto alle donne, in uno dei momenti più critici della loro esistenza, è fondamentale per un intervento che miri effettivamente a rimuovere le difficoltà che inducono la madre all’interruzione di gravidanza. Infatti, le ragioni per cui le donne si trovano nell’ambivalente posizione di aver lasciato che la gravidanza si instaurasse e, contemporaneamente, di non essere capaci di sostenere la possibilità di portarla avanti, spesso non vengono considerate come uno degli aspetti cruciali della prevenzione dell’aborto, ma come una “variabile”.
L’ipotesi sottesa dal nostro progetto è che questo punto debba essere oggetto di approfondimento psicologico, in tutti i casi, sia di aborto spontaneo che procurato.
Vengono, infatti, spesso trascurati gli aspetti psicologici, relazionali e sociali anche delle casistiche, in costante aumento, di difficoltà a generare: difficoltà nel concepimento, aborti spontanei nelle prime settimane di gravidanza in assenza di condizioni patologiche organiche. La nostra significativa e lunga esperienza clinica ci ha portato a ritenere che sia questo l’aspetto fondamentale su cui intervenire innanzitutto con un ascolto professionale e tempestivo.

Circostanze particolari: violenze, separazioni, lutti… rendono le mamme molto sole in un momento nel quale vi è grande vulnerabilità e il sostegno del contesto parrebbe davvero essenziale. In queste situazioni l’urgenza è la regola e le richieste possono essere difficili da sostenere in mancanza di una famiglia che funzioni da supporto e da sostegno.
Rispondere ad alcune urgenze, offrire opportunità e sostenere la donna in questo delicato momento, a nostro avviso, è una necessità.

La gravidanza: E’ noto che le mamme in attesa attirano l’attenzione benevola di tutti, e che la gravidanza è accompagnata dalla frequenza a gruppi e a corsi rivolti alla mamma. Con la nascita del bambino la madre perde bruscamente centralità, in un momento cruciale la cui delicatezza necessita invece di attenzione e di uno spazio d’ascolto privilegiato.
A volte la commozione e la tristezza fisiologica della mamma dopo la nascita, così come un senso di inadeguatezza al compito e di solitudine, possono evolvere in vere e proprie depressioni se le donne sono lasciate a se stesse.
Se i corsi di preparazione al parto rispondono in modo efficace alle esigenze di ricevere informazioni e contenimento emotivo durante l’esperienza della gravidanza, dopo il parto, che per la maggior parte delle donne corrisponde anche alla dimissione dall’ospedale, in un momento in cui la “separazione” può assumere tinte di tristezza e di fatica (se non di vera e propria depressione post-partum), la madre avverte l’esigenza di rassicurarsi sulla propria capacità di offrire al bimbo nutrimento e soddisfazione ai suoi bisogni.
Crediamo necessario, quindi, promuovere gruppi di mamme che sviluppino relazioni “nutrienti”, intendendo con questo la possibilità di interiorizzare “qualcosa di sufficientemente buono”, una base sicura per la mente individuale esattamente come il grembo materno è una base sicura per l’infante.

La maternità: Nella relazione di mutualità tra madre e bambino i due insegnano l’uno all’altro: anche il bambino che chiede, esprimendo le sue esigenze, diventa l’ostetrico della funzione materna della neo-mamma.
Riteniamo infatti che il ruolo materno sia già presente fin da quando è concepito il bambino, e che di esso la mamma si appropri gradualmente grazie all’interazione con il bambino e con il partner, facilitata e sostenuta dal proprio contesto sociale.
Un gruppo di sostegno può accompagnare le mamme a far nascere ciò che è già presente in loro internamente, senza sostituirsi al loro ruolo, ma aiutandole ad approfondirlo.Un gruppo che offra alle neo-mamme un sostegno al loro ruolo e alla loro spontanea capacità di esprimersi e svilupparsi.
Alcuni cambiamenti in atto nella nostra società hanno modificato radicalmente il rapporto che le persone hanno con il proprio corpo e con il tempo e rischiano di generare una disconnessione tra “tempi fisiologici” e “tempi del mondo”, con una ripercussione inevitabile sull’esperienza della maternità.
Quella funzione genitoriale che si connota per la capacità di attesa, di sostare nell’incertezza, di accoglimento, di ascolto e di accudimento, elemento imprescindibile per lo sviluppo globale di un essere umano, non viene sufficientemente riconosciuta, protetta e tutelata. E’ necessario quindi valorizzare la funzione genitoriale “materna”, focalizzare le differenze e le interazioni tra questa e la funzione genitoriale “paterna”.

La paternità: L’attenzione alle complesse dinamiche che accompagnano la maternità, mette in sordina l’importanza della figura paterna e porta spesso a trascurare le vicissitudini psicologiche che accompagnano il padre nell’assunzione del suo nuovo ruolo. Infatti bisogna tenere presente che anche per il padre, così come per la madre, c’è la necessità di ridefinire la propria identità e di trovare uno spazio diverso nella famiglia, trasformata dalla presenza del figlio. Spesso i papà soffrono silenziosamente sentimenti di esclusione e di gelosia nei confronti della moglie e del figlio; sentimenti che possono venire espressi indirettamente ad esempio con la fuga nell’attività lavorativa, con il tradimento coniugale, con malesseri fisici.
Dopo la prima fase di rapporto simbiotico madre/bambino è necessaria la presenza reale del padre onde evitare il prolungarsi del rapporto a due che può portare il bambino ad una regressione invece che ad una progressiva evoluzione. In altre parole, la seconda funzione del padre è quella di aiutare il bambino a separarsi dalla madre. Inoltre, il bambino che copia il comportamento e i modi del padre (cioè si identifica) modifica la propria rappresentazione di sé attraverso il trasferimento di una parte dei sentimenti di ammirazione, di stima e di amore che ha verso il padre, su di sé.

Sembra quindi importante organizzare anche un gruppo che offra sostegno e aiuto alla funzione genitoriale “Paterna”.

*** SOSTEGNO PSICOLOGICO

DEDICATO ALLE NEOMAMME

e… NON SOLO! ***

A cura della

Dott.ssa Veronica Turchetta

Psicologa


* NUOVO SERVIZIO di Visite Domiciliari: Per aiutare le mamme a sentirsi meno sole e ad affrontare le prime difficoltà nella gestione quotidiana del bambino, con tutto quello che l’arrivo di una nuova vita comporta, viene messo a disposizione un sistema d'assistenza a domicilio alle neomamme, per dare davvero una mano con un sostegno psicologico e ma anche pratico (nozioni di puericultura e cure igieniche del neonato compreso la medicazione del cordone) in questo momento così bello ma anche faticoso.
Questo servizio è composto da visite a domicilio da parte di una psicologa che aiuterà le mamme a prendersi cura del loro bambino, ma anche di se stesse e della loro relazione col partner.

* Gruppi di Auto Aiuto: Le visite possono essere affiancate eventualmente da incontri di gruppo (da organizzare insieme), che si terranno in studio o all’aperto, dove le mamme e i loro partner potranno incontrarsi e condividere esperienze comuni. Questi Gruppi di Sostegno psicologico possono essere utili per rompere l’isolamento e condividere il proprio vissuto ed esperienze inerenti la propria genitorialità. Condividere il proprio vivere e le proprie paure può essere un utile tentativo per non continuare ad ignorare un problema di fondo dovuto al disagio psicologico.


SEI UNA NEOMAMMA O STAI PER DIVENTARLO?

UNA TUA AMICA O PARENTE STA PER AVERE UN BAMBINO?

*** Regala o regalati questa esperienza***..

PER INFO SU MODALITA’ E COSTI VISITA IL SITO, CHIAMA O SCRIVI UNA MAIL PER PARTECIPARE AL CORSO TEORICO PRE-POSTPARTO, PER USUFRUIRE DEL SERVIZIO DOMICILIARE, O PER FAR PARTE DEI GRUPPI DI SOSTEGNO PSICOLOGICO (Zona Roma Nord e Provincia).

(Sito Web: studiopsicologicoturchetta.blogspot.com, Tel. 327-8259566, Mail: studiopsicologicoturchetta@gmail.com)